Mamme di corsa!

0

C’è stato un tempo in cui correvo.

Correvo per togliermi i grilli dalla testa. Correvo per sentirmi meno in colpa per la marmellata di castagne mangiata. Correvo per sfogare l’incazzatura con il fidanzato di turno. Correvo per piacermi un po’ di più. Correvo per non avere il fiatone se rincorrevo l’autobus (tutti i santi giorni). Correvo per guardarmi intorno. Correvo per avere il tempo di ascoltare musica.

Insomma correvo e mi piaceva un sacco correre.

Poi sono diventata mamma e correre ha assunto tutto un altro significato.

Correre è diventato sinonimo di “riuscire a incastrare più cose possibili in un breve lasso di tempo”. Correre ora significa lasciare che il mio bambino si svegli da solo al mattino, che faccia colazione coi suoi tempi, che mi dica che gli scappa la cacca quando ha già su giacca, sciarpa e guanti e poi…volare verso l’asilo tirando il monopattino con lui sopra tutto soddisfatto. Correre è uscire dall’ufficio dopo aver risposto all’email arrivata all’ultimo e arrancare verso la macchina, con la telefonata di rito alla nonna “scusastoarrivandohofattounpotardi”. Correre è programmare la lavatrice, dare da mangiare a tutti i membri della famiglia (gatto e me stessa inclusi), giocare un po’ con il nanetto per sedare l’inevitabile senso di colpa e arrivare regolarmente all’ultimo secondo per dare il via a una serata di Easymamma.

Beh, da oggi, grazie a una mamma che del correre, dell’incastrare ma anche del godersela è una vera esperta, correre comincerà ad avere un mix dei due significati a cui se ne aggiungeranno altri.
Correre diventerà anche far quattro chiacchiere tra mamme. Correre diventerà staccare il cervello almeno per un po’. Correre diventerà sentirmi bene!

Tutto questo per dire alle mamme segratesi ma anche no, che da oggi parte il gruppo “Easymamme in corsa”! Se qualcuna fosse interessata ad aggregarsi per fare un po’ di movimento in compagnia, fatevi sentire 😉

 

EasyVale

 

P.s. ci sarà chi come me camminerà pure per salvaguardarsi dallo spompamento istantaneo… Non fatevi impressionare!

correre

No comments

GUARDA ANCHE...

Un’Easymamma a Paris!

Mi chiamo Patrizia e sono nata a Milano. Per gli amici del cuore, in Italia, ero “la Titti” ma qui a Versailles, alle porte di Parigi, sono per tutti “Patrizià”, con l’accento sulla a.  Sono partita e ho cambiato la mia vita per ...