BARTH ITALIA: LA SUA STORIA E’ LA STORIA DI PIETRO

0

Il 29 febbraio appena trascorso è stata la Giornata delle malattie rare, e Easymamma in quest’occasione ha approfondito un po’ di più l’argomento e in particolare ha conosciuto l’associazione Barth Italia.

L’associazione in Italia è coordinata da Paola Cazzaniga, psicologa e psicoterapeuta ma soprattutto mamma di Pietro.
Ed è proprio Pietro a raccontarci di questa brutta bestia che è la sua malattia, con una lettera che non potrebbe essere più chiara e bella.

” Mi chiamo Pietro, ho 14 anni e ho la Sindrome di Barth.
Quando avevo un anno ho avuto uno scompenso cardiaco molto grave , a due anni sono migliorato ma ero sempre malato, ho camminato a due anni e crescevo lentamente, i miei genitori capivano che qualcosa non andava, avevano sempre paura, ma non c’era una diagnosi.

Verso i 5 anni sono stata meglio, così i miei genitori hanno pensato di avere un altro bambino, mio fratello Carlo, che è nato con una grave dilatazione cardiaca, è stato sempre malato, spesso ricoverato in ospedale ed è morto a soli sei mesi.

Sono stato diagnosticato in quarta elementare, a 9 anni, ma già da un po’ di tempo capivo che non stavo bene come gli altri bambini. Mi sentivo spesso stanco, non riuscivo a correre veloce o a saltare come loro, a volte non mi sentivo bene, specialmente la mattina; anche se qualche volta facevo fatica a studiare, alle elementari ero piuttosto bravo.
Dopo la diagnosi è stato tutto più semplice: i miei genitori hanno capito da dove veniva il mio malessere e, anche se è stata dura accettarlo, hanno imparato a gestirlo. Faccio sempre i miei controlli, la scuola è stata informata, i miei insegnanti e il  mio educatore mi hanno supportato, ho anche una dottoressa che mi aiuta a pensare perchè anche quello è faticoso e, a volte, mi sento un po’ solo e sconfortato.

Capitano dei giorni in cui non sto bene, soprattutto adesso che vado alle medie e che, come quando ero piccolo, la mia crescita è accelerata; prendo delle proteine, integratori per i muscoli, e faccio iniezioni ogni tre giorni per stimolare le difese immunitarie.
A parte questo, amo il cinema, la buona cucina, i supereroi della Marvel e il mio cane, Matilda; ho molti amici che mi rispettano, capiscono il mio problema, mi aiutano e mi accettano.

I miei genitori hanno fondato Barth Italia perché siamo pochi, ci sono solo 198 tra bambini, ragazzi e giovani adulti sul pianeta, in Italia siamo solo 7 ed i medici non hanno sempre tutte le informazioni necessarie per un disagio complesso come il mio.
Inoltre la Sindrome è molto sotto-diagnosticata e molte famiglie, senza una diagnosi precoce, vanno incontro allo stesso dolore della nostra.

L’impegno di Barth Italia è quello di raccogliere le famiglie per confrontarsi, tra noi ci capiamo meglio e nella crescita serve sempre una aiuto con la scuola, l’alimentazione e la prevenzione delle infezioni.
Inoltre bisogna diffondere notizie sulla Sindrome di Barth perché i medici possano riconoscerla e fare diagnosi il prima possibile: la diagnosi precoce salva la vita, permette di capire e fare prevenzione, migliorandone la qualità.

Come affiliati alla Barth Syndrome Foundation, che coordina da 15 anni tutti i progetti di ricerca, completamente autofinanziati, raccogliamo fondi per dare il nostro vitale contributo.

Stare con gli amici è la cosa che mi fa stare meglio, ma questo funziona per tutti…”

Complimenti Pietro! E grazie Paola per averci permesso di condividere la sua e la vostra testimonianza.

 

Per tutti quelli che volessero contribuire alla ricerca e sostenere Barth Italia:

Immagine1ASSOCIAZIONE BARTH ITALIA, Piazza Carrobbio 5, Monza
Conto Corrente Postale: 001024206714
IBAN:IT77A0760102800001024206714

 

No comments

GUARDA ANCHE...

NON CHIAMATELA “SOLO” MENSA SCOLASTICA!

Ieri sera siamo state ospiti dell’Associazione Pollicino, fantastica realtà milanese che promuove iniziative di prevenzione ed intervento sui disordini del comportamento alimentare fin da piccolissimi. ...